In Burundi, Haiti ed Etiopia le peggiori elezioni del mondo nel 2015


Un nuovo report dell’Electoral Integrity Project (EIP) mostra come nell’ultimo anno in Burundi, Haiti ed Etiopia si siano svolte le “peggiori” elezioni del mondo.

Il report del EIP copre 180 elezioni parlamentari e presidenziali tenute tra la metà del 2012 fino alla fine del 2015 in 139 paesi in tutto il mondo, tra cui 54 elezioni nazionali tenutesi durante il 2015.

Le elezioni nel mondo soffrono spesso di manipolazioni compiute attraverso brogli e corruziojne, intimidazioni e violenze. I finanziamenti destinati alle forze politiche, inoltre, sono viziati da squilibri, corruzione e tangenti. E’ stato dimostrato come tali pratiche illecite minino principi quali la partecipazione dei cittadini alla politica, l’accountability e la fiducia nella democrazia. Problemi che si presentano nonostante ogni anno la comunità internazionale investa circa mezzo miliardo di dollari per migliorare la qualità delle procedure elettorali.

Ma quali elezioni sono viziate o, peggio, “fallite”? Evidenze empiriche raccolte dall’Electoral Integrity Project attraverso una survey post-elettorale condotta su più di 2000 esperti. La surve, immediatamente dopo ogni elezione, domanda a esperti nazionali e internazionali di monitorare la qualità di una elezione basata su 49 indicatori. Queste risposte sono raggruppate nelle 11 fasi di cui il ciclo elettorale si compone per comporre un indice di Percezione dell’Integrità Elettorale (PEI), che misura la qualità delle elezioni su una scala da 0 a 100. “Fallite” sono quelle elezioni che conseguono un punteggio uguale o minore di 40/100. “Contestate” quelle con un punteggio incluso tra 40 e 50 secondo l’indice PEI.

L’Electoral Integrity Project è un progetto di ricerca indipendente con sede nelle Università di Sydney e Harvard, diretto dalla Professoressa Pippa Norris.

  • Nell’ultimo anno “fallite” elezioni in 8 Paesi. L’Etiopia è stata protagonista della peggiore elezione nel mondo, con tutti i seggi vinti dal partito di governo, il Fronte Democratico Rivoluzionario del Popolo, nel Maggio 2015, tra repressione, intimidazioni e censura. Haiti ha visto elezioni con brogli diffusi, proteste e scontri. Altri “fallimenti” sono avvenuti in Burundi, Togo, Azerbaijan, Tajikistan, Bielorussia e Uzbekistan.
  • Altre 9 elezioni sono state contestate lo scorso anno in Zambia, Tanzania, Sudan, Egitto, Guinea, Guatemala, Venezuela, Turchia e Kazakistan.
  • Alcune democrazie consolidate hanno avuto performance relativamente scares. Le elezioni britanniche del maggio 2015 si sono classificate 39°, la peggiore performance nell’Europa occidentale. Le elezioni statunitensi del 2012 e del 2014 sono state classificate come le peggiori tra tutte le democrazie consolidate, specialmente in tema di finanziamenti e registrazione elettorale.
  • Di contro, comunque, gli esperti hanno assegnato un punteggio molto alto alle elezioni tenutesi in Danimarca (1^ classificata), Finlandia, Estonia, Svizzera, Polonia, Portogallo, Israele, e Canada.
  • Alcuni notevoli miglioramenti, tuttavia, sono avvenuti nel corso dell’ultimo anno, tra cui Nigeria e Myanmar, sebbene tali elezioni lascino ancora spazio per ulteriori miglioramenti. Anche le elezioni in altre democrazie in via di sviluppo e democrazie più recenti sono state classificate come abbastanza buone, tra cui Benin, Croazia, e Lesotho.
  • I problemi più diffusi riguardano i finanziamenti alla campagna e il ruolo dei mass media. Gli esperti hanno classificato circa due terzi delle elezioni (68%) come “fallite” in tema di finanziamento elettorale. Allo stesso modo, il 38% di tutte le elezioni sono “fallite” riguardo alla copertura della campagna elettorale da parte dei media.
  • Tre fattori principali hanno minato l’integrità delle elezioni: Three main factors undermined electoral integrity: vincoli sociali (come radicata povertà ed eredità delle guerre civili); legami internazionali (come la membership di organizzazioni regionali); per ultimo, la struttura delle istituzioni politiche (inclusi i sistemi elettorali proporzionali e l’imparzialità delle autorità di gestione delle elezioni (i cosiddetti electoral management bodies).

 “Durante gli ultimi decenni, sempre più elezioni si sono tenute nel mondo, ma troppo spesso le elezioni falliscono nel rispondere agli standard internazionali” dice Pippa Norris. “Questo studio è il primo a raccogliere evidenze affidabili attraverso gli esperti, per localizzare dove nell’ultimo anno le elezioni siano state problematiche – come Etiopia, Burundi e Haiti – e anche per celebrare dove esse si siano svolte con successo, come in Estonia, Finlandia e Danimarca”.

“Questo studio fornirà utili evidenze per un ampio numero di studiosi e policymakers, inclusi i pubblici ufficiali, organizzazioni per i diritti umani, ricercatori accademici e reporters che studiano le elezioni e cercano di rafforzare l’integrità delle elezioni”.

Ulteriori informazioni – incluso il report completo – sono disponibili sul sito dell’Electoral Integrity Project: www.electoralintegrityproject.com o all’indirizzo mail: electoralintegrity@gmail.com.

 

Contatti:

Prof. Pippa Norris, Direttore EIP, pippa_norris@harvard.edu; Skype: pippa.norris;

Dr Ferran Martínez i Coma, Ricercatore EIP, ferran.martinezcoma@sydney.edu.au  +61 2 9351 2147;

Dr Alessandro Nai, Project Manager EIP, alessandro.nai@sydney.edu.au +61 2 9351 2147;

Max Grömping, Ricercatore EIP, Max.Groemping@sydney.edu.au  61+ 2 9351 5085.

Consulta il comunicato integrale con i dati del report

 

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s